Intrigo internazionale in “Capitan America: The Winter Soldier”

Chris Evans reindossa lo scudo per affrontare una minaccia interna: al suo fianco la Vedova Nera Scarlett Johansonn

Capitano tutte al…capitano (questione di accenti). Nel primo capitolo Steve Rogers era stato “freddato” per poi risvegliarsi ai giorni nostri dopo un letargo che nemmeno l’orso Yoghi. Passare dai nazisti come nemici all’orda aliena al soldo di Loki in “Avengers”. Mica roba da ridere.

captain_america__the_winter_soldierNel nuovo capitolo, “Il Soldato d’Inverno”, Cap, trasferitosi a Washington alle dipendenze dello S.H.I.E.L.D. e del suo mentore Nick Fury (Samuel L. Jackson), se la dovrà vedere contro una congiura degna dei migliori spy thriller di sempre. Non poteva mancare allora sua maestà Robert Redford, scampato ad un attentato nel celebre “I Tre Giorni del Condor”, uno dei film a cui il biondo attore deve la sua fama.

In un susseguirsi di colpi di scena in cui si contano morti sospette, tradimenti e persecutori che farebbero impallidire persino Savonarola, il film cita a più riprese i migliori titoli di Hollywood dagli anni 50 ad oggi. La congiura che sa tanto di “Gladiatore”, il plot che omaggia “Mission Impossible” di De Palma e se vogliamo “Il Fuggitivo” con Harrison Ford.

La chiave di successo di questo film, ennesimo prodotto della Factory Marvel sta nell’aver individuato in Capitan America un personaggio meno fascinoso del playboy Tony Stark, alias Iron Man, e un background meno “mitico” rispetto all’Asgard di Thor. Quindi il punto è stato: che fare per colmare il gap?

Risolvendo le vicende di Steve Rogers  in un thriller al cardiopalma, concentrandosi su scene action più tradizionali e artigianali (bye bye se possibile alla CGI) e impreziosire il tutto con la ciliegina Robert Redford, reduce dall’ottima performance in “All Is Lost”.

Roma ha ospitato l’anteprima italiana del film il 18 Marzo. Per un giorno anche al di fuori dello Stadio Olimpico si è cantato “un capitano, c’è solo un capitano!”.
Distribuito dalla Disney, esce nelle sale italiane il 26 Marzo e sulla durata è inutile esprimersi. Bisogna comunque aspettare i titoli di coda. A buon intenditore…

Emanuele Zambon

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply