Presentato a Cannes il Bando “Lazio Cinema International”

A disposizione 10 milioni di euro all’anno per valorizzare le bellezze del territorio, rilanciare la professionalità delle imprese locali e attrarre le produzioni internazionali.

Roma Lazio Film Commission rinnova il suo impegno per lo sviluppo della coproduzione internazionale ed al contempo si adopera per la promozione del territorio laziale. Svolgendo le proprie funzioni in collaborazione con quattro assessorati della Regione Lazio (Cultura, Turismo, Formazione e Sviluppo Economico), promuove inoltre le attività formative del progetto “Torno Subito Cinema”, importante opportunità per i giovani e momento di confronto con le realtà internazionali, giunto quest’anno alla terza edizione. Alla 70° edizione del Festival Di Cannes, Roma Lazio Film Commission – insieme con Italian Film Commissions e Cinecittà Luce –  si è dedicata al Bando “Lazio Cinema International”, che prevede la valorizzazione del settore cinematografico, per utilizzare al meglio i fondi regionali della Regione Lazio. Nel corso di una conferenza stampa, che si è tenuta domenica 21 maggio a Cannes presso l’Italian Pavilion dell’Hotel Barriere Le Majestic, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha presentato i risultati del lavoro svolto nel comparto cinematografico e le iniziative che saranno intraprese in futuro. Nello specifico il governatore ha illustrato le novità della seconda finestra del Bando “Lazio Cinema International”, che prevede un investimento annuale di 10 milioni di euro per le coproduzioni internazionali. Grazie alla prima edizione del Bando, nel 2016 la Regione Lazio ha cofinanziato 11 coproduzioni cinematografiche, 1 progetto di animazione e 4 coproduzioni televisive. Si tratta di risorse europee del POR FESR 2014-2020, per un totale di 35 milioni di euro. L’intervento è finalizzato a sostenere gli investimenti in produzioni cinematografiche e audiovisive che prevedano la compartecipazione dell’industria che opera nel territorio laziale, all’interno di una distribuzione di carattere internazionale, e che realizzino progetti e prodotti pensati in modo da garantire una maggiore visibilità internazionale alle destinazioni turistiche della regione. Un ulteriore proposito è quello di valorizzare il “girato” nel Lazio, favorendo in questo modo il coinvolgimento delle imprese dell’intera filiera (dalle industrie tecniche alla post produzione).

L’obiettivo ultimo si identifica con la possibilità di attrarre sul territorio le grandi produzioni internazionali, con un’evidente ricaduta positiva sull’intero indotto, promuovendo le tipicità della Regione Lazio all’estero. Inoltre è stato siglato un nuovo importante accordo per la costituzione del primo Centro Euro-Mediterraneo dell’Audiovisivo: tra i presenti si segnala la partecipazione di Lamal Souissi (Presidente Tanger Tetouan Al Hoceima Film Commission), Piluca Querol (Presidente Andalucia Film Commission), Teresa Azcona (Spain Film Commission), Joanna Gallardo (Direttore Île-de-France Film Commission), Nejib Ayed (Direttore Journées Cinématographiques De Carthage), Cristina Priarone (Direttrice Roma Lazio Film Commission) e Luciano Sovena (Presidente Roma Lazio Film Commission).
“Particolare importanza riveste per noi l’accordo per la costituzione del Centro Euro-Mediterraneo perché, in un momento storico come questo, rappresenta un ponte tra l’Europa ed il mondo islamico. Personalmente penso che il dialogo culturale tra Paesi che hanno radici comuni possa e debba essere rinnovato e fortificato. Sono sicuro che nascerà per la prima volta la possibilità di formare diverse coproduzioni, in particolare con il Marocco e la Tunisia”, dichiara Luciano Sovena. “Qui a Cannes – ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – siamo tornati proprio per parlare di cinema e soprattutto delle numerose iniziative che la regione promuove, e ha promosso in questi anni, a favore di un settore in grado di generare ricchezza. Il comparto cinematografico è senza dubbio uno dei pilastri delle politiche culturali della Regione Lazio ed ha un notevole impatto in termini di occupazione e di sviluppo, basti pensare che sono oltre diecimila gli occupati laziali del settore cinema. I numeri parlano chiaro e noi ne andiamo particolarmente fieri: sono 44 le opere candidate ai David di Donatello negli ultimi 3 anni e 29 le statuette vinte nel triennio 2015-2017, tutti riconoscimenti legati a film che hanno ricevuto finanziamenti dalla Regione Lazio”.

Federico Fracassi

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply