Rendez-vous: l’appuntamento italiano col cinema francese

Parte da Roma la rassegna italiana dedicata al cinema d’Oltralpe

Al via il 2 aprile la quarta edizione della rassegna Rendez-vous, l’appuntamento capitolino con il nuovo cinema francese. Il festival, dedicato al nuovo cinema d’Oltralpe partirà da Roma, dove si svolgerà dal 2 al 6 aprile, per poi raggiungere le città di Palermo, Bologna, Torino, Milano e, da quest’anno, anche Napoli.
Main sponsor della manifestazione, per il quarto anno consecutivo, BNL Gruppo BNP Paribas, che si conferma sostenitrice della cultura e, in particolare, del cinema, con cui BNL ha un legame da circa 80 anni.

La rassegna Rendez-vous, iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, è realizzata dall’Institut francais Italia, in collaborazione con Unifrance films e con la partecipazione dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici.

La direzione del progetto è affidata a Alix Davonneau, responsabile dell’audiovisivo dell’Ambasciata di Francia, mentre la direzione artistica è nella mani di Vanessa Tonnini.

La programmazione attraversa tutti i generi e coinvolge sia titoli campioni d’incasso che pellicole indipendenti per un totale di quaranta titoli.
Quattro sono le sedi per la manifestazione romana: il Cinema Quattro Fontane e la Casa del Cinema che ospitano la Sezione Novita’ e Anteprime; all’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici sarà accolta una panoramica dedicata ai Cineasti del presente; il Maxxi – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, invece, ospiterà l’evento Visioni tra cinema e fotografia in Francia e in Italia: la posa e il movimento, che mette a confronto artisti italiani e francesi.

Tra i titoli presenti quest’anno, ci saranno i due titoli distribuiti da Notorius: Belle e Se’bastien di Nicolas Vanier e La bella e la bestia di Christophe Gans che hanno conquistato cifre record alla prima uscita (le migliori dal 2000).

Molto alte le aspettative per l’evento, non solo perché l’Italia è tra i maggiori estimatori dell’eccellenza cinematografica francese, che si conferma in costante e continuo sviluppo, ma anche perché l’industria cinematografica francese, nonostante la crisi, è stata in grado di totalizzare 50 milioni di biglietti venduti nel mondo (nel 2013), per un equivalente di 280 milioni di euro.

Rita Russo

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply