Scambio a sorpresa, un film inedito ora in Home Video

Recensione del terzo film di Daniel Schechter che arriva per la prima volta in Italia grazie alla distribuzione Home Video della Koch Media.

«Abbiamo rapito sua moglie»

«Bene, potete pure tenervela. Auguri»

Una battuta che spesso e volentieri si ritrova nelle riviste di barzellette, ma anche fumetti ed irreverenti cartoni animati, e naturalmente, anche al cinema.
Ed è l’elemento forte di questa commedia di Daniel Schechter (alla terza direzione dietro la macchina da presa), basato sul romanzo “The Switch”, scritto da Elmore Leonard nel 1978.
Purtroppo l’autore non ha (almeno in teoria) potuto vedere la sua opera al cinema, dato che è scomparso (ad 87 anni) poco meno di un mese dalla sua presentazione, il 15 settembre 2013 al Toronto International Film Festival.
Pellicola dunque inedita per l’Italia, fino a pochi giorni fa, quando la Koch Media l’ha rilasciata per il mercato Home Video, che non passerà di certo inosservata non solo per il grande cast di attori ma anche per via dell’ottima direzione di doppiaggio, con grandi nomi come Roberto Chevalier ed Eleonora De Sabato.

Quest’ultima è la voce ufficiale di Jennifer Aniston, la moglie indesiderata protagonista di questo film, in questo caso per via dell’egoismo del marito Frank (Tim Robbins) che da tempo si vede con la più giovane Melanie (Isla Fisher, la matta conquista di Vince Vaughn in “2 single a nozze”).
Questo i rapitori non potevano saperlo, così quando si accorgono che Frank non cerca in alcun modo di pagare il riscatto per non dover neanche spendere tempo e soldi per il divorzio, decidono di giocare d’astuzia, creando una serie di avvenimenti decisamente divertenti.

John Hawkes, Mos Def, Mark Boone Junior e Charlie Tahan completano il cast di un film che nella versione Blu-Ray si può ascoltare in Italiano ed Inglese in DTS HD Master Audio 5.1, con sottotitoli e menù in Italiano, e che tra gli extra ha solamente il trailer.
Valerio Brandi

 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply